Partite Iva, cosa si fa se non si rientra nel forfettario

Cosa fare se le partite Iva non rispettano più i requisiti per poter rientrare nel regime forfettario? Con la nuova normativa fiscale infatti saranno centinaia le partite iva che non avranno più i requisiti per potersi avvalere del regime forfettario. In questi casi dovranno dunque aderire al regime ordinario. Come procedere dunque?

Il passaggio dal regime forfettario a quello ordinario non riguarderebbe la sola aliquota fiscale. Il cambio comporta infatti nuovi obblighi contabili e amministrativi, che andranno a incidere anche sui “costi vivi” della propria attività. 

Partite iva, in migliaia dovranno passare al regime ordinario

A causa di nuove cause ostative, si stima che saranno circa 360 mila i contribuenti che non potranno più aderire al regime forfettario.

Nello specifico, il Governo ha previsto che non possano aprire o mantenere una partita IVA forfettaria quei soggetti che, nell’anno fiscale di riferimento, hanno accumulato redditi da lavoro dipendente superiore ai 30 mila euro e che abbiano speso più di 20 mila euro per dipendenti o collaboratori.

Passando al regime ordinario, saranno costretti a mantenere registri contabili, effettuare dichiarazioni periodiche iva, utilizzare la fatturazione elettronica, …

E’ chiaro che tutte queste procedure comportano dei costi per l’azienda, per non parlare del fatto che non si applicherà più la flat tax al 15%, dunque, ma tassazione in base all’aliquota IRPEF nella quale si cadrà.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBenzina e Diesel, gli effetti del Coronavirus
Articolo successivoBollette a 28 giorni, come farsi rimborsare
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO