Paperoni in crescita, anche in Italia

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Gli uomini più ricchi del mondo, i cosiddetti Paperoni, vivono in Asia nell’area che si affaccia sull’ Oceano Pacifico. Secondo i dati diffusi nel corso della 20a edizione del World Wealth Report (WWR) di Capgemini, per la prima volta nella storia non sono gli abitanti del Nord America ad avere il primato.

Dai dati è emerso che nel corso dello scorso anno la ricchezza HNWI (High Net Worth Individual) mondiale ha registrato una modesta crescita del 4%, mentre quella dell’area Asia-Pacifico ha vantato un incremento del 10%. Sono stati inclusi nel conteggio tutti coloro che dispongono di un patrimonio superiore al milione di euro in asset investibili, esclusi immobile di residenza, oggetti da collezione, beni di consumo durevoli e non.

Anche l’Italia sembra che nel corso dell’ultimo periodo abbia assistito ad un incremento dei paperoni nazionali. In particolare, nel corso del 2015 è stato registrato un incremento della ricchezza pari al +4,5%, che vede crescere gli HNWI a 228.700 nel 2015 rispetto ai 218.900 del 2014.

Secondo gli esperti la causa di tale incremento è in larga parte attribuibile all’aumento del pil reale dello 0,6%, il risparmio nazionale calcolato come percentuale del pil migliorato del 18,7% e una capitalizzazione del mercato incrementata del 12,7%.

Sicuramente la crescita sarebbe stata molto più considerevole se il mercato immobiliare non avesse affrontato la triste crisi che ha invece dovuto subire.

CONDIVIDI
Articolo precedentePA, bisogna sfoltire enti e authority
Articolo successivoMutuo, 1 famiglia su 4 fatica a pagarlo
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO