Nuovo patto banche-imprese in arrivo

Con la svolta BCE è indispensabile attuare un nuovo patto banche-imprese, l’unica mossa a disposizione che potrebbe consentire ad entrambi i fronti di uscire dalla crisi, che potrebbe essere superata solo auspicando una stretta collaborazione tra entrambe le parti interessate.

Intanto l’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, sembra piuttosto favorevole alle decisioni prese da Mario Draghi, ritenendo assolutamente giusta la scelta di tagliare i tassi. inoltre Ghizzoni parla di rivoluzione monetaria, ritenendo assolutamente indispensabile, a questo punto, che anche i governi facciano la loro parte, approvando le riforme utili allo sviluppo.

Per quanto riguarda la possibilità di vedersi approvati i finanziamenti da parte delle imprese, l’amministratore delegato afferma che “i nuovi finanziamenti della Bce sarà possibile ottenerli soltanto se verranno indirizzati verso le imprese. Una mossa non solo tecnica, ma anche psicologica. E in questa fase le percezioni contano molto».

Con la selezione naturale dettata dalla crisi economica che ha investito le imprese, solo quelle che hanno saputo adattarsi a questo nuovo mondo sono riuscite a sopravvivere, quelle insomma più innovative sulle quali è facile puntare e delle quali è più facile per le banche fidarsi.

Questo non vuol dire però che la concessione del credito sarà più facile, anzi le regole sono oggi più ferree che mai e Basilea 3 ha reso i requisiti patrimoniali più stringenti.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO