Mutui, le migliori proposte del mese

House Mortgage isolated on white
Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Il mercato dei mutui in Italia continua ad essere concorrenziale e con i tassi piuttosto bassi è facile per le banche farsi la guerra a chi offre più vantaggi al minor costo possibile.

Il mese inoltre si presta bene a coloro che abbiano intenzione di trasferirsi in una nuova casa per cominciare una nuova vita, magari assieme ad un nuovo partner.

Banner Maggio 2017 300 x 250

Se avete intenzione di acquistare una nuova casa attraverso l’accensione di un nuovo mutuo, il periodo è particolarmente favorevole grazie ad indici di riferimento per il calcolo degli interessi Euribor e Eurirs che sono ancora, come ormai da lungo tempo, favorevoli, e non mancano quindi buone occasioni sia per chi sceglie la convenienza del tasso variabile che per chi punta alla sicurezza nel tempo di un tasso fisso.

Mutui, offerte di ottobre

Per coloro che vogliono optare per la convenienza del tasso variabile, l’offerta migliore risulta essere quella proposta da ING Direct che offre TAN dello 0,67%, TAEG 0,86%, valido per le stipule effettuate entro il 15 novembre 2017 e per chi sceglie Conto Corrente Arancio per l’addebito mensile delle rate. L’istruttoria della pratica ha un costo di 250 euro, serviranno poi 250 euro per la perizia dell’immobile mentre non sono previste spese per l’incasso mensile della rata né per le comunicazioni periodiche banca cliente, che saranno rese disponibili in formato digitale.

Per il fisso invece Webank offre azzeramento delle spese di istruttoria della pratica e delle spese di perizia. Il mutuo a tasso fisso va richiesto entro il 31 ottobre 2017 e stipulato entro il 31 gennaio 2018. A partire da 100.000 euro e di durata compresa nei 25 anni, vede applicato un tasso dello 0,80% per importi fino al 60% del valore dell’immobile e dello 0,90% sopra questa percentuale. Se l’importo richiesto è inferiore a 100.000 euro c’è una maggiorazione dello 0,10% sullo spread. L’assicurazione incendio e rischi obbligatoria per legge è a carico della banca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBanca d’Italia, pensioni a 67 anni
Articolo successivoMutuo, attenzione a quello che si firma
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO