Mef, ipotesi manovra smentita

Il ministero delle Economie e Finanze ha smentito tutti i rumors  che si sono susseguiti incessanti in rete in questi ultimi tempi circa i possibili contenuti della futura manovra sui conti pubblici che l’esecutivo dovrà varare in autunno.

“Circolano in questi giorni”, sottolinea il Mef, “sui media indiscrezioni sulla manovra sui conti pubblici che il governo dovrà varare a ottobre con la prossima legge di bilancio. Si tratta di ipotesi e cifre prive di fondamento”.

Per confermare in via definitiva le proprie dichiarazioni, il Mef ha reso evidente che tutto dipende da quelli che saranno gli aggiornamenti del Def che saranno presentati il prossimo 20 settembre, quindi appare a dir poco prematuro lanciare previsioni infondate circa possibili contenuti sulla manovra che sarà generata proprio da tale aggiornamento.

Intanto però il vice ministro dell’economia Morando in una recente intervista ha affermato che “Dopo gli 80 euro bisogna tornare sull’Irpef, intervenendo sulle aliquote. In alternativa si possono fiscalizzare quote dei contributi previdenziali”. Se questi interventi potranno essere anticipati al 2017 “dipenderà dall’andamento del pil. In ogni caso, anche se non fosse possibile, credo che si debba decidere da subito cosa succederà nel 2018”.

Egli ha inoltre osservato “L’Italia si trascina problemi strutturali, dal debito al cattivo funzionamento delle istituzioni economiche, che amplificano le conseguenze negative dell’incertezza che colpisce l’economia globale”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGermania, banche vs Bce
Articolo successivoInflazione, confermato +0.2%
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO