Made In Italy, crollo esportazioni

Era il 10 dicembre 2015 quando, sulle reti americane, iniziò ad essere trasmesso uno spot che in 90 secondi riassumeva il meglio del Made in Italy. Pochi giorni dopo lo spot diretto da Silvio Muccino arrivò a riempire Time Square, con il suo “Buy authentic Italian”.

In quel periodo le esportazioni in America hanno segnato una crescita pari al +0.8% che si è protratta fino al mese di gennaio, forse anche influenzato dalle festività natalizie e dalla voglia di regalare qualcosa di speciale. Purtroppo però, finito l’entusiasmo iniziale per uno spot che è riuscito ad attrarre l’attenzione dei media e a cogliere la vera essenza dell’Italia, le esportazioni sono riprese a calare per poi fossilizzarsi in una fase di stallo che non sta andando, almeno in questo momento, in nessuna direzione. Il periodo febbraio-marzo ha portato un calo del 4,5%, confermando un trend sostanzialmente negativo.

Anche il fatturato dei prodotti Made in Italy esportati nei paesi Extra-Ue è calato di 1,7 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.  Assocamerestero, l’associazione che rappresenta le camere di commercio italiane all’estero, ha espresso la propria preoccupazione nei confronti di una situazione che non si riesce ad arginare. Gaetano Fausto Esposito, segretario dell’associazione, ha affermato “L’effetto apprezzamento del dollaro e riduzione del costo delle materie prime non sembra infatti dare la giusta spinta alle nostre esportazioni”.

Il segretario però rimane ottimista e spiega che in realtà il dato positivo di gennaio possa suggerire la possibilità di una prossima inversione di tendenza.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteAmpie disparità lavoro uomo donna
Articolo successivoCambio contatori elettrici, stangata per i single
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO