Lotta all’evasione, smascherare i falsi residenti all’estero

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Nuova campagna di lotta all’evasione da parte del fisco. Questa volta si punta tutto sullo smascheramento dei falsi residenti all’estero.

L’agenzia delle entrate al momento sta cercando di capire a quanto ammontino i redditi non dichiarati dagli italiani che dichiarano di essersi trasferiti all’estero. I controlli interesseranno tre differenti database, dalla Facta, a cui aderiscono molti Stati, ai dati sugli ex residenti dei Comuni.

In particolare per portare a termine questa minuziosa indagine l’agenzia delle entrate si baserà su 11 possibili indicatori che permettono di identificare il contribuente a rischio. Tra tali indicatori spuntano i contributi per i collaboratori domestici, il possesso di barche e la presenza di partita iva.

Lotta evasione, non solo voluntary

Le indagini ovviamente non interesseranno solo i contribuenti che hanno aderito alla voluntary, ma tutti coloro che hanno registrato movimenti di denaro da e verso l’estero, in particolare coloro che hanno modificatola propria residenza dopo il 1 gennaio 2010.

Per identificare la possibile evasione si adopererà un software denominato So.No.Re., ovvero Soggetti Non Residenti, che consente di confrontare le informazioni disponibili nella banca dati delle Entrate con quelle derivanti dallo Spesometro e dallo scambio di informazioni attivato sulla base di direttive europee e accordi internazionali con le amministrazioni fiscali estere.

CONDIVIDI
Articolo precedenteOfferte mutuo surroga, le migliori di marzo
Articolo successivoIstat, crollo in agricoltura
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO