Legge Fornero, quanto costa abolirla

La legge Fornero è una delle leggi più odiate di sempre dal popolo italiano. In campagna elettorale molte forze politiche hanno colto la palla al balzo, mettendo tra i punti cardine del proprio programma elettorale proprio la sua abolizione. Ma quali costi avrebbe effettivamente abolire tale legge e riapplicare i vecchi criteri di pensionamento?

Emma Bonino a tal proposito ha infatti dichiarato “Come tutte le leggi la puoi modificare, anche se da chi ne chiede l’abolizione vorrei sapere dove trova le risorse. Le pensioni costano 260 miliardi, due volte il bilancio Ue”.

Legge Fornero, risorse non disponibili

Basandosi sulle previsioni Inps 2017, la spesa pensionistica dell’Italia si dovrebbe attestare a 261,531 miliardi di euro, con un incremento dell’un per cento circa (2,688 miliardi di euro) rispetto a 258,843 miliardi di euro del 2016.

I bilanci di cui parla la Bonino sono dunque molto vicini alla realtà. Considerata la tragica questione previdenziale, non esistono di fatto le risorse necessarie per intraprendere un simile passo come l’abolizione della suddetta legge.

Quando si promette un ritorno al vecchio sistema si tratta dunque di promesse infondate, che non trovano poi riscontro nelle risorse effettivamente disponibili e spendibili per una eventuale futura manovra previdenziale che possa limitare i disagi inferti dalla riforma Fornero.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSisma bonus, ecco come funziona
Articolo successivoCumulo contributivo gratuito, arriva convenzione Inps
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO