Legge 104 scuola, nuova guida esaustiva

Il portale orizzontescuola, sempre molto attento alle tematiche relative al mondo della scuola, ha recentemente pubblicato un vademecum inerente i 3 giorni di permesso riservati a coloro che usufruiscono della legge 104.

Anche docenti, dirigenti, personale ATA e addetti alle segreterie scolastiche hanno infatti diritto ad usufruire a 3 giorni di permesso al mese per assistenza ai disabili, appoggiandosi ai benefici concessi dal riconoscimento della suddetta legge 104.

Legge 104 scuola, cosa chiarisce la guida

La guida pubblicata da orizzontescuola, che come dicevamo si focalizza sul mondo della scuola, non affronta però solo i diritti ricosciuti al personale che usufruisce di tale legge. Rimarca l’attenzione anche sui doveri, oltre che i diritti, di chi usufruisce dei permessi.

Per consultare la guida in questione si rimanda al link  da cui è possibile scaricarla direttamente in formato pdf. La guida riporta normative e circolari, chiarendo in maniera facilmente comprensibile ed esaustiva quelli che potrebbero essere gli aspetti poco chiari del provvedimento.

Tra le altre cose, la guida ricorda anche la possibilità di avere erogati i permessi sottoforma di ore, per un massimo di 18 ore mensili. Sebbene normalmente le ore di cui si intende usufruire vengono pianificate mensilmente, è possibile anche dare preavvisi brevi in casi di urgenza. In tal caso la richiesta può essere presentata nelle 24 ore precedenti la fruizione dello stesso e, comunque, non oltre l’inizio dell’orario di lavoro del giorno in cui il dipendente utilizza il permesso.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBonus condizionatori, ecco i requisiti
Articolo successivoFlat tax, troppo cara per Confindustria
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO