Lavoratori autonomi, non hanno diritto ad indennità per malattia

I lavoratori autonomi non hanno diritto a percepire l’indennità per malattia.

Si tratta di un’anomalia tutta italiana contro cui hanno recentemente puntato il dito i sindacati europei. Altri Paesi dell’Unione Europea dispongono infatti di forme di tutela anche per tale categoria. Seppure non si tratti di forme di tutela totali, ma parziali nella maggior parte degli Stati, si tratta comunque di situazioni di tutela rispetto al nostro ordinamento.

Lavoratori autonomi, nessun diritto

Le necessità di protezione sociale si rendono necessarie soprattutto per l’esponenziale crescita di tale tipologia di lavoratori cui abbiamo assistito negli ultimi anni. La confederazione dei sindacati europei, Etuc, è tornata a mettere in luce il problema. Spesso il lavoratore autonomo è infatti costretto a condizioni di lavoro precarie. Ad esempio l’indennità per malattia è riconosicuta solo nella metà dei Paesi Ue. In sei stati la copertura c’è ma è parziale. Nei rimanenti Stati purtroppo non è prevista alcuna indennità per malattia per tale categoria di lavoratori. Tra questi compare anche l’Italia.

Il segretario generale Etuc ha evidenziato quelle che sono le mancanze del sistema nazionale. A tal proposito ha dichiarato “i diritti dei lavoratori autonomi, gli atipici e i freelance in Europa, che al giorno d’oggi rappresentano circa il 10% della forza lavoro totale, non sono adeguatamente tutelati“.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFattura elettronica, confermato termine del 1 gennaio 2019
Articolo successivoMancata retribuzione, dimissioni per giusta causa
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO