La manovra finanziaria del Governo

In questi ultimi mesi i provvedimenti normativi recanti disposizioni per arginare la crisi economica e finanziaria sono stati molti, nel mese di luglio, il Senato, seppur con vari emendamenti, ha approvato la manovra finanziaria dettata dal Governo, ma evidentemente non è bastato, la crisi è forte e le continue oscillazioni dei mercati finanziari hanno determinato il Governo ha prendere ulteriori provvedimenti.

E così, il 13 agosto, il Consiglio dei Ministri ha varato un nuovo decreto legge che presenta ulteriori modifiche tese a tagliare la spesa pubblica per cercare di far quadrare i conti dello Stato.

Il fine ultimo è di ottenere il tanto auspicato pareggio di bilancio e per fare questo sono aumentati i tagli alla spesa pubblica e ci sarà un aumento delle tasse soprattutto per le fasce medio basse della popolazione, è prevista, inoltre, la soppressione di molti enti pubblici e il diktat di non contrarre nuovi debiti.

Tutto questo porterà, secondo le stime,  a raggiungere il pareggio di bilancio e a convincere gli investitori a comprare titoli di debito italiano.

I fini sono lodevoli e auspicabili e i tagli sembrano essere assolutamente necessari, ma ci sono vari ma che offuscano questa manovra.

E’ l’ennesimo provvedimento normativo su un settore così delicato, i tagli alla spesa sono pesanti e le ricadute sulla vita dei cittadini saranno notevoli, tutto questo non deve essere sfuggito agli stessi promotori di questo decreto che si sono affrettati a rimarcare che il provvedimento, nei passaggi alle Camere, potrebbe subire delle modifiche così come, nell’ambito della stessa maggioranza, si sono registrate una serie di malumori; l’aumento dell’Iva e il contributo di solidarietà sono misure impopolari e la sensazione è quella di voler scaricare sul Parlamento l’approvazione di misure così dure.

La situazione è in continua evoluzione e il fatto stesso che il Governo in un periodo di ferie abbia assestato un altro duro colpo nel segno dell’austerity e del sacrificio per molti italiani è la prova di un malessere economico e sociale sempre più diffuso.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO