Imu e Tasi, come calcolare i pagamenti in ritardo

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Come ormai molti sapranno il termine ultimo entro cui pagare l’acconto di Imu e Tasi è scaduto lo scorso 16 giugno. Coloro che hanno dimenticato la scadenza o che per qualsiasi motivo non siano stati nelle condizioni di rispettarla, potranno comunque provvedere a mettere in regola la propria situazione con il fisco, pagando però delle piccole sanzioni per i giorni di ritardo.

Le sanzioni previste non hanno ovviamente un importo fisso ma un andamento percentuale. Esse infatti sono rapportate al numero di giorni di ritardo, pertanto saranno tanto più alte quanto più alte saranno le imposte applicate.

Pagamenti in ritardo, vari ravvedimenti

Per mettersi in regola si può ricorrere al ravvedimento sprint, che prevede la possibilità di sanare la propria situazione versando l’imposta dovuta entro 14 giorni dalla scadenza con una sanzione dello 0,1% giornaliero del valore dell’imposta, più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale. Dal 15° al 30° giorno di ritardo, il ravvedimento breve prevede una sanzione fissa del 1,5% dell’importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale; Oltre 30 giorni ma entro i 90 si può ricorrere al ravvedimento medio con una sanzione fissa del 1,67% dell’importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale. Infine oltre tali termini la sanzione fissa sarà del 3,75% dell’importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRoaming, niente più costi extra per chi viaggia
Articolo successivoMercato auto, vendite in crescita anche a maggio
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO