Extracomunitari, la forza lavoro del meridione

Gli extracomunitari rappresentano la forza lavoro del meridione. Lo rivelano gli ultimi dati Eurostat relativi ai dati occupazionali in Italia. Secondo tale indagine gli extracomunitari residenti in Italia sarebbero quelli meglio posizionati rispetto al resto d’Europa. Il nostro Paese avrebbe inserito un maggior numero di immigrati rispetto a Germania e Francia. Il tasso occupazionale nella nostra Penisola è pari infatti al 62,6%.

Inoltre in 5 regioni gli extracomunitari sono più impiegati degli italiani, se si proporziona il dato al numero di abitanti.

Extracomunitari, forza lavoro per 5 regioni del Sud

Stando ai dati raccolti in 5 regioni del Sud gli extracomunitari rappresentano l’unica vera forza lavoro del Paese. In Campania, Sicilia, Sardegna, Calabria e Puglia vi è infatti una differenza considerevole a favore dei cittadini extraeuropei, un record in tutto il continente e che in Campania sfiora 16 punti percentuali di differenza.

Bisogna però evidenziare che sebbene tali cittadini abbiano un livello occupazionale superiore, c’è una vera e propria settorializzazione. Trovano cioè impiego solo in determinate categorie lavorative, soprattutto in ambito agricolo. Inoltre vi è ancora un notevole divario per quanto concerne la retribuzione. Il fatto che siano sottopagati è probabilmente uno degli aspetti per cui riescano a trovare più facilmente un inserimento lavorativo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteChiusura domenicale, occorre disciplinarla
Articolo successivoRei, coperte 1 milione di persone
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO