Disoccupazione giovanile, calo del 2,6%

Disoccupazione giovanile in calo per il 2018. Finalmente un segnale di ripresa segnalato dall’Istat nei giorni scorsi. Dopo una lunga attesa si evidenzia una contrazione dei livelli di disoccupazione tra i più giovani pari al 2.6%.

L’entrata in vigore del decreto dignità avrebbe, secondo i dati raccolti dall’ente di ricerca nazionale, portato ad un calo generale del tasso di disoccupazione al 10.6%.

Ma le buone notizie non finiscono qui. I dati parlano ancora una volta di crescita degli occupati.

Disoccupazione giovanile in calo, crescono gli occupati

Per il quinto anno consecutivo aumentano infatti anche gli occupati. In particolare l’incremento registrato è pari a 192 mila unità (+0,8%). Il tasso di occupazione sale al 58,5% (+0,6 punti), rimanendo di appena 0,1 punti al di sotto del picco del 2008.

Il quarto trimestre del 2018 evidenzia però un calo dello 0.2% rispetto a quello precedente. Va detto però che il calo si riferisce soprattutto a contratti a termine. Nessuna variazione invece riguardo ai contratti di lavoro stabili.

Complessivamente va sottolineato che gli effetti globali del decreto evidenziano un calo del numero totale di disoccupati.

L’istat evidenzia infatti che il numero dei disoccupati si è ridotto nel 2018 di 151 mila unità (-5,2% fino a quota 2 milioni 755 mila), in misura più intensa rispetto al 2017. Eppure l’aumento dei dipendenti riguarda solo contratti a termine. Infatti il tempo indeterminato cala di 125 mila (-0,8%).

CONDIVIDI
Articolo precedenteSanzioni, tocca pagarle agli eredi?
Articolo successivoSalario minimo, 1073 euro in più all’anno secondo M5S
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO