Digitale terrestre, nuovo switch nel 2022

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

Arriva la seconda era del digitale terrestre e con essa una nuova spesa per le famiglie italiane. Coloro che infatti hanno acquistato un televisore o un decoder per la ricezione del segnale digitale prima del 1 luglio 2016 potrebbero infatti non essere predisposti a vedere la tv e a partire dal 2022 potrebbero essere costretti all’acquisto di un nuovo apparato atto alla ricezione. Nel 2022 è previsto infatti un nuovo switch off che obbligherà le varie emittenti a trasmettere con il nuovo formato dvb-t2 e non più dvb-t, secondo quando previsto dalle normative europee.

La fase di transizione si avvierà già dal 2020 e dovrà essere completata entro un arco massimo di due anni.

Digitale terrestre, nuove attrezzature necessarie

Banner Maggio 2017 300 x 250

Se il televisore è stato acquistato prima del 1 luglio 2016 potrebbe non essere compatibile con il nuovo formato, dal momento che in tale data è stato introdotto l’obbligo a vendere apparecchiature attrezzate col nuovo standard. Comunque se anche il televisore non fosse compatibile, non occorre comprarne uno nuovo ma sarà sufficiente attrezzarsi con un opportuno decoder come è avvenuto nel precedente switch da analogico a digitale. Nonostante i vari obblighi è opportuno comunque verificare, al momento dell’acquisto, che nelle specifiche sia indicato il nuovo standard dvb-t2 per evitare di incorrere in qualche negoziante furbo che cerca di liberare il magazzino, magari allettandovi con offerte vantaggiose.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBlack Friday, per Amazon rischio annullamento
Articolo successivoPensione di vecchiaia, ferma a 66 anni e 7 mesi per alcune categorie
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO