Dichiarazione redditi, 13 milioni di italiani non pagano l’Irpef

13 milioni di italiani non pagano l’Irpef. E’ quanto emerge dai dati sulle dichiarazioni dei redditi 2018 (anno d’imposta 2017) pubblicati dal dipartimento delle Finanze del Mef.

Il merito di questo mancato pagamento sarebbe attribuibile alla no tax area. In parte però l’importo dovuto si azzererebbe anche in seguito delle detrazioni che, appunto, azzerano l’imposta lorda dovuta per 10,5 milioni di contribuenti.

Irpef, molti italiani non pagano

Alle categorie già indicate vanno a sommarsi ulteriori 2.4 milioni di italiani che invece non pagano l’Irpef per effetto della neutralizzazione generata dall’impatto del bonus 80 euro.

A conti fatti, l’imposta netta ammonta a 5.140 euro e spetta al 75% dei contribuenti versare quanto dovuto. Va evidenziato inoltre che sono pochissimi i contribuenti che dichiarano di percepire oltre 50 mila euro. Nello specifico, secondo i dati raccolti,  solo il 5,3% dei contribuenti dichiara più di 50.000 euro, versando il 39,2% dell’Irpef totale.

Nel complesso i redditi dichiarati scendono di 5 miliardi attestandosi a 838 miliardi complessivi. Il valore medio dichiarato è di 20.670 (-1,3% rispetto all’anno d’imposta 2016).

A dichiarare il reddito più alto sono i lombardi, con una media di 24720 euro, i redditi più bassi si registrano al contrario in Calabria con una media di poco sopra i 14 mila euro.

I dati mostrano un Paese che invecchia, con una maggioranza di redditi provenienti da pensione ed una crescita in tal senso dell’1,5%.

 

CONDIVIDI
Articolo precedente730 precompilato, novità spese sanitarie
Articolo successivoRisparmiare, possibili con poche semplici mosse
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO