Decreto clima, via libera del Consiglio dei ministri

Il consiglio dei ministri proprio nei giorni scorsi ha dato il via libera al decreto clima. Non si tratta però della sola approvazione attesa in quanto a decreti legge. Grande fermento è stato suscitato anche per l’altrettanto atteso decreto scuola, confermato con le stesse tempistiche.

Per quanto concerne il Decreto Clima, si confermano ancora una volta in cima alla lista gli incentivi sui mezzi meno inquinanti. Inoltre arrivano importanti incentivi per i commercianti che attrezzeranno ‘green corner’ per vendere prodotti sfusi. Saranno previste nuove corsie preferenziali per i mezzi pubblici, scuolabus ecologici e nuovi alberi nelle città.

Decreto clima, si torna ai prodotti sfusi

Il costo della manovra è stimato intorno ai 450 milioni di euro da spalmare in tre anni. Sebbene l’Italia stia facendo il possibile per mostrarsi amica dell’ambiente, le risorse stanziate per l’ambizioso progetto appaiono ancora ben distanti dagli oltre 50 miliardi di euro destinati allo stesso scopo dalla vicina Germania.

Molti si dicono tutto sommato soddisfatti delle scelte fatte in tal senso dall’attuale governo. “E’ il primo atto normativo del nuovo governo, che inaugura il Green New Deal – commenta il ministro Costa – il primo pilastro di un edificio le cui fondamenta sono la legge di bilancio e il Collegato ambientale, insieme alla legge Salvamare, in discussione alla Camera, e a ‘Cantiere ambiente’, all’esame del Senato. Tutto questo dimostra che il governo sta realizzando una solida impalcatura ambientale”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteConto corrente, costi proibitivi in arrivo?
Articolo successivoProgetto Africa, accordo economia sostenibile
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO