Crisi, l’euro ora trema

Cristine Lagarde: “Tre mesi di tempo per salvarlo”
L’economista Paul Krugman sostiene che l’euro è su una sorta di linea del crinale. 50% di possibilità di sopravvivere, 50% di possibilità di diventare, a breve, già parte della storia passata dell’economia. Gli eventi recenti non inducono certo all’ottimismo.

Il conto è alto. L’Italia, che ha sborsato quasi 50 miliardi di euro, sarà chiamata a versare altre tre rate di investimenti pro quota del capitale dell’Esm entro la metà del 2014.

“Le autorità europee hanno un margine per correggere i propri errori e invertire l’attuale inerzia. La Grecia? Deve attuare politiche imponenti rispetto alla evasione fiscale. Tutti siamo chiamati a pagare le tasse”. Ha dichiarato Cristine Lagarde, a capo del Fondo Monetario Internazionale. Ma il clima resta teso. Mario Monti ha avuto parole di fuoco nei confronti del ministro delle finanze austriaco, Maria Fekter, che in una intervista aveva sostenuto che a breve anche l’Italia 2potrebbe avere bisogno di aiuto”.

“Trovo del tutto inappropriato che esponenti di altri governi dell’unione europea parlino della situazione di altri paesi dell’unione per questo mi astengo dal commentare queste dichiarazioni”, le parole del premier italiano.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO