Crisi economica inaspettata, basta farsi trovare pronti

E’ una crisi economica inaspettata quella che sta affrontando attualmente il nostro Paese a causa delle ripercussioni legate al lungo periodo di lockdown, deciso per cercare di contrastare e contenere gli inaspettati risvolti dell’epidemia di Covid-19.

Eppure il problema principale sarebbe legato all’impreparazione da cui si sono fatti cogliere gli italiani, adesso occorrerebbe dunque prepararsi ad accogliere meglio un’eventuale seconda ondata epidemica.

Crisi economica inaspettata, colpa dell’impreparazione

Secondo Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, che di recente ha partecipato a una tavola rotonda promossa dal Cnel (Consiglio nazionale economia e lavoro) dal titolo “Rischi globali: come affrontarli nel mondo post Covid-19”, la colpa principale dell’attuale crisi che stiamo vivendo sarebbe da ricercare nell’impreparazione dalla quale si sono fatti cogliere gli italiani all’arrivo del virus.

Nel corso del suo intervento, Brusaferro ha sottolineato l’importanza della “flessibilità” e della “preparazione della popolazione”. “Penso sia giusto riflettere sul come sia possibile preparare le persone ad affrontare l’inaspettato – ha detto Brusaferro – Non possiamo escludere che possa verificarsi una crisi inaspettata, sia in ambito sanitario, che in problemi legati alla salute che per altri problemi. Dobbiamo farci trovare preparati”.

Il suggerimento è dunque quello di correre ai ripari, ricostruire dunque tenendo gli occhi ben puntati sul futuro per evitare che gli errori del passato possano sommergerci nuovamente.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCanone Rai e bollo auto, nessuna abolizione nel 2020
Articolo successivoBonus vacanze, sconto via app
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO