Crisi economica, caccia allo sconto per le famiglie italiane

La crisi economica è sempre più evidente e per la maggior parte delle famiglie italiane scatta la caccia allo sconto. Secondo gli ultimi dati diffusi nei giorni scorsi da Istat, almeno un prodotto su 4 sarebbe scontato.

Secondo ricerche effettuate per conto di Confesercenti, nel 2019 la variazione dei consumi si fermerà a +0,3%, il valore più basso raggiunto negli ultimi cinque anni.

Bisogna inoltre sottolineare che la maggior parte delle spese che ancora tengono in piedi i mercati nazionali riguardano spese obbligate e servizi.

Crisi, caccia allo sconto obbligata

“Lo stop dei consumi ha un forte impatto sul commercio: già chiudono 14 negozi al giorno, ed il bilancio potrebbe peggiorare ancora”, commenta la presidente di Confesercenti Patrizia De Luise. “Un problema per le Pmi ma anche per la crescita: i consumi valgono il 60% del Pil, se non ne ripristiniamo uno stabile sentiero di crescita non usciremo dalla stagnazione. La spesa delle famiglie deve tornare al centro della politica economica”.

Al momento per cercare di rimanere a galla le attività commerciali non possono far altro che proporre sconti imperdibili. Ecco dunque che parte una vera e propria caccia allo sconto, per cercare di accaparrarsi l’offerta migliore.

Questo di contro costringe le attività a svendere i prodotti, alimentando ulteriormente la crisi globale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto clima, risparmio assicurato per detersivi alla spina
Articolo successivoEcobonus, Pmi contro lo sconto immediato
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO