Conto corrente, pignoramento più facile

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

A partire dallo scorso 1 giugno il pignoramento del conto corrente è divenuto più semplice. La nuova Agenzia di Riscossione che ha preso il posto della vecchia Equitalia avrà infatti la possibilità di procedere al pignoramento diretto dei conti correnti in caso di debiti fiscali e cartelle esattoriali non pagate. Utilizzando un ricco database potrà avere tutte le informazioni relative alla situazione finanziaria del malpagatore e procedere direttamente al pignoramento dei conti corrente, anche senza l’approvazione da parte del giudice.

Le somme presenti sul conto corrente saranno immediatamente bloccate e rigirate al Fisco per far fronte ai debiti.

Anagrafe Tributaria, controllo totale del conto corrente

Il Fisco avrà accesso totale agli innumerevoli dati contenuti nel database dell’anagrafe tributaria e potrà sfruttare tali dati a suo piacimento per attingere a quanto spettante senza l’intermediazione giudiziaria.

Inoltre, la nuova agenzia di riscossione potrà accedere anche alla banca dati dell’Inps, ottenere le informazioni che le servono e procedere a pignorare lo stipendio, la pensione, le indennità.

La nuova agenzia delle entrate avrà quindi il pieno controllo sulle nostre vite e il pieno potere di disporre dei nostri beni come meglio crede. A quanto pare quindi è cambiato il nome, ma le politiche di riscossione se possibile sono diventate ancora più rigide.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBankitalia, un bambino su 10 è in situazione di povertà
Articolo successivoBanche, classifica di quelle sicure e più a rischio dopo il bail-in
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO