Chiusura unilaterale conto corrente, azione possibile

La banca può scegliere di effettuare la chiusura unilaterale conto corrente. Basta darne comunicazione via raccomandata con almeno 15 giorni di preavviso. Questa operazione è possibile però solo a patto che i conti siano oggetto, per reati finanziari, da parte della Magistratura o per controlli operati dalla Guardia di Finanza, ed a patto che sia dimostrato un livello di rischio di credito elevato eccessivo. 

E’ quanto emerge dall’ultima interrogazione della Commissione Finanze del Senato.

Chiusura unilaterale conto corrente, condizioni da rispettare

Sebbene la chiusura unilaterale conto corrente sia un’azione possibile per la banca, occorre che vengano rispettate alcune condizioni indispensabili. Il cliente deve innanzitutto essere sempre avvisato con largo anticipo.

In particolare, il cliente deve sempre essere avvisato tramite raccomandata con avviso di ricevimento spedita almeno quindici giorni prima.

Le banche possono stabilire unilateralmente di chiudere i conti correnti oggetto d’indagine da parte della Guardia di Finanza o da parte della magistratura su reati finanziari, sempre che non vi sia un livello di rischio di credito eccessivamente elevato.

Dunque, sebbene si tratti di una pratica possibile, è indispensabile per la banca osservare una serie di accorgimenti che rendano lecita la pratica di chiusura unilaterale del conto corrente ai propri clienti e che sussistano determinate condizioni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRyanair, saldi voli a 5 euro
Articolo successivoCarburanti, prezzi in forte crescita
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO