Buoni fruttiferi postali, prodotto sicuro

Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

I buoni fruttiferi postali continuano ad essere un prodotto sicuro nonostante la minaccia di uscita dall’euro da parte dell’Italia.

Nonostante i cali della borsa di Milano a causa della problematica situazione economica del nostro Paese, i buoni fruttiferi sembrano resistere bene e restano uno dei prodotti più validi e sicuri. Sul Fatto Quotidiano è infatti recentemente stato pubblicato un articolo in cui si analizza nel dettaglio l’attuale situazione economica e politica. Il quadro che ne emerge non è sicuramente dei migliori. Tra gli investimenti finanziari italiani i Buoni fruttiferi postali sono i soli per cui non si rischiano perdite nominali, grazie al diritto di riscatto del valore nominale.

Buoni fruttiferi postali, riscatto assicurato

I buoni fruttiferi garantiscono il riscatto del valore nominale. Questo vuol dire che al momento di svincolare il denaro sarà sempre reso il capitale investito, più l’eventuale quota interessi maturata.

Diversa la situazione per coloro che hanno investito in Btp a partire dal 16 maggio. La perdita nella settimana successiva è stata infatti pari a circa l’8%.

Sebbene i buoni fruttiferi postali non risentano delle variazioni di spread, che negli ultimi tempi è sembrato andare sulle montagne russe, non è detto che tutelino anche dall’eventuale uscita dall’euro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNiente scontrino fiscale, ecco cosa si rischia
Articolo successivoFlat tax, a chi conviene
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO