Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 480 x 75

La Commissione Bilancio di Palazzo Madama, con una seduta notturna tenutasi tra mercoledì e giovedì scorso ha completato l’esame del ddl di Bilancio in cui era contenuto anche l’emendamento relativo al Bonus bebè. Purtroppo però non tutti i contenuti del testo di legge originario sono stati conservati. La votazione si è espressa favorevole infatti nei confronti di un bonus previsto solo per il primo anno di vita, non tre come previsto dalla legge che aveva istituito il suddetto beneficio, e con un importo praticamente dimezzato.

A partire dal 2019 infatti, oltre ad essere elargito solo per il primo anno di vita del bambino, l’importo dell’assegno percepito calerà dagli attuali 960 euro a soli 480.

Bonus bebè, Ap contro le modifiche

Banner Maggio 2017 300 x 250

Ap è prontamente insorto contro le modifiche apportate al bonus, in particolare schierandosi contro la riduzione ad un anno del beneficio. Simona Vicari ha infatti sottolineato che la durata prevista sarebbe dovuta rimanere ai primi tre anni di vita,  questo era «l’accordo politico strategico sulla famiglia raggiunto in commissione e per noi rappresenta la più importante condizione per votare questa manovra».

In altre parole se non sarà apportata la correzione sulla durata e riallargato a tre anni, Ap non intende esprimersi a favore della manovra.

CONDIVIDI
Articolo precedenteProposte elettorali, abolire il bollo auto
Articolo successivoSisma bonus potenziato, alcuni chiarimenti
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO