Bollette, data spedizione obbligatoria

Niente più penali per ritardi nella ricezione bollette, la data spedizione diventa infatti obbligatoria. Le nuove disposizioni Agcom prevedono infatti che sulla busta sia chiaramente indicata la data in cui la busta è stata presa in carico. Sarà compito del Ministero dello Sviluppo Economico adottare e rendere operative le nuove regole.

L’obbligo sarà tale per bollette relative a fornitura luce, gas ed altri servizi di pubblica utilità.

In questo modo l’utente potrà individuare in maniera rapida il responsabile del ritardo nel recapito delle fatture.

Data spedizione, obbligatoria per bollette

Le nuove regole imposte dall’Agcom richiedono chiaramente delle tempistiche utili alla loro introduzione. Non sono pertanto ancora attive, ma dovrebbero essere attuate tra qualche mese.

Si tratta di un intervento obbligato. Sono tanti gli utenti ad aver dovuto pagare interessi di mora elevati a causa di ritardi nel recapito delle bollette. Nei casi più gravi si è perfino arrivati all’interruzione del servizio.

Agcom ritiene che un “periodo transitorio di 6 mesi dalla pubblicazione della delibera finale possa essere considerato congruo per gli operatori postali per adeguare i propri sistemi produttivi al fine di procedere alla stampa della data di spedizione sulle buste che contengono le fatture“.

Non resta dunque che attendere l’attuazione di questa gradita novità.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFiducia, peggiora secondo Istat
Articolo successivoManovra 2019, ecco alcune indiscrezioni
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO