Bce, maxi prestito alle banche

Arriva il maxi prestito alle banche, un nuovo intervento da parte della Bce che consentirà di uscire rapidamente dalla recessione imposta dall’epidemia di Covid-19.

La nuova manovra prevede prestiti a 3 anni con tassi che possono arrivare perfino al -1%. Si tratta di un record assoluto, non sono mai stati applicati tassi così bassi prima d’ora sotto l’attuale Presidente.

Bce, maxi prestito con tassi negativi

Al momento sarebbero stati richiesti 1.310 miliardi da parte di 742 istituti di credito. L’iniezione netta di liquidità per l’Eurozona è di 548 miliardi, destinati a sostenere famiglie, imprese e Pmi. 

Lo scopo è quello di cercare di risollevare l’Europa dopo una delle peggiori crisi mai vissuta, a distanza di soli 10 anni dalla precedente. Il Pil stimato per l’Eurozona sarebbe pari al -8.7% per il 2020, un dato a dir poco allarmante che ha fatto chiaramente correre ai ripari la Bce. Inoltre le stime parlano anche di possibile peggioramento nei prossimi mesi. Dal momento che l’ondata dei contagi non si è ancora arrestata, si potrebbe pensare di toccare perfino un -12.7, nell’eventualità di un ulteriore arresto della produttività.

La contrazione della produzione industriale risulta essere più evidente in Italia, Spagna e Francia che non in Paesi come Germania e Paesi Bassi, ovvero nei Paesi dove già il debito pubblico aveva un certo peso.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBonus ristrutturazioni 110%, possibile boomerang
Articolo successivoPrestiti bancari, quasi metà imprese non hanno ricevuto nulla
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO