Bancomat, tassa sui prelievi contanti

La tassa sui prelievi contanti dal proprio Bancomat sta scatenando il putiferio. Secondo Codacons si tratterebbe infatti di una misura assolutamente inefficace contro l’evasione fiscale. Inoltre tale imposta rischia di trasformarsi in un vero e proprio salasso per gli italiani.

La tassa sarebbe pari al 2% per chi decide di effettuare prelievi in contanti in misura superiore ai 1500 euro mensili. La nuova riforma prevederebbe però anche  anche un credito di imposta, pari sempre al 2%, per chi invece paga con strumenti e servizi di pagamento tracciabili.

Tassa sui prelievi contanti, un salasso per gli italiani

Per il momento si tratta solo di una proposta, ma che ha già fatto insorgere le associazioni consumatori. Perfino Confcommercio e Confesercenti si sarebbero dichiarate contrarie alla proposta, che di fatto non è vista di buon occhio da nessuna delle associazioni consumatori.

Secondo Codacons si tratterebbe di uno scherzo di cattivo gusto. Una misura che, qualora fosse approvata, porterebbe una stangata miliardaria sulle famiglie. Una simile misura, in un periodo economicamente tanto delicato come quello attuale, potrebbe essere molto rischiosa per i consumi. Si potrebbero infatti contrarre ulteriormente, ribaltando la sofferenza sui vari settori dell’economia.

Il Presidente dell’Associazione consumatori, Carlo Rienzi, ritiene che tassare i prelievi sia incostituzionale in quanto l’utilizzo dei contanti rappresenta un diritto assoluto dei cittadini.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTari 2, come funziona la nuova tassa sui rifiuti
Articolo successivoNuove politiche Bce, cosa cambia per i mutui casa
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO