Arriva Rita, ecco le novità del 2018

Sono tante le novità in campo previdenziale introdotte con l’arrivo del nuovo anno ed una delle più succulente è sicuramente la nuova Rita.

A causa delle poche risorse a disposizione, con la legge di bilancio 2018 sono state apportate poche modifiche al quadro già esistente, improntate comunque a migliorare la flessibilità nel passaggio lavoro-pensione.

Tra le principali novità previste dalla legge di bilancio, compaiono la revisione dei requisiti richiesti per accedere all’Ape sociale, il reddito ponte a spese dello Stato destinato a chi ha almeno 63 anni e si trova in difficoltà, e la pensione con 41 anni di contributi riservata ai precoci.

Rita, ecco cosa prevede

Per quanto concerne Rita, si tratta di una delle misure più attese che promette di rendere meno difficile il periodo che va dalla fine del periodo lavorativo a quello del percepimento dell’assegno previdenziale. Infatti non sempre tali eventi si manifestano in modo sequenziale. La crisi economica e l’incremento dell’età per il percepimento della pensione hanno reso ancora più vasto tale gap. Grazie a Rita, ovvero la rendita integrativa temporanea anticipata, alimentata dalla previdenza integrativa, da quest’anno sarà possibile ricevere un assegno ponte fino a 5 anni prima del pensionamento, o addirittura 10 anni se si è disoccupati

CONDIVIDI
Articolo precedenteBonus luce 2018, sconti in bolletta
Articolo successivoGimme5, arriva l’app del risparmio
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO