Antitrust multa compagnie scorrette

599966f7bc0c339d2b4be2188e06b048--330x185-klKE-U10401567568067mrB-700x394@LaStampa.itLe principali compagnie telefoniche italiane, ovvero H3G, Wind, Tim e Vodafone subiranno un salasso da 5 milioni a causa della multa da parte dell’antitrust che le ha accusate di politiche commerciali scorrette. Ultimamente sono infatti cresciuti a dismisura i clienti delle sopracitate compagnie telefoniche che si sono ritrovati a pagare sul conto della propria bolletta servizi web non richiesti.

Basta sfiorare infatti uno dei tanti popup che affollano la navigazione per ritrovarsi addebitati uno dei tanti servizi in abbonamento proposti, che spaziano da oroscopi a notizie di vario genere, suonerie o altri tipi di contenuti multimediali.

Si tratta dei cosiddetti servizi premium, che però difficilmente passano inosservati a causa degli esorbitanti costi di addebito.

L’antitrust ha dunque deciso di proteggere i malcapitati multando tutti i principali operatori telefonici italiani per una somma totale che supera i 4 milioni di euro: 1.750.000 euro ciascuno Telecom e H3G, 800.000 euro ciascuno Wind e Vodafone. Nei confronti di H3G, in ragione dei rilevanti effetti delle condotte attuate, è stata inoltre disposta anche la pubblicazione di un estratto del provvedimento. 

l’Antitrust spiega che la procedura di acquisto in un  click non consente al consumatore di poter acquisire piena consapevolezza del fatto che sta sottoscrivendo un servizio in abbonamento, immediatamente addebitato sul proprio credito telefonico.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO