Addizionali Irpef, possibili rincari

tasse locali

Le addizionali irpef potrebbero subire un rincaro pari ad un miliardo di euro, tra regionali e comunali. Sono le stime diffuse da Confprofessioni alla luce di un’analisi dettagliata di quelle che potrebbero essere le evoluzioni future alla luce del mancato blocco delle aliquote operato nell’ultima legge di Bilancio.

Si tratta di una crescita poco visibile, ma avvenuta in modo sostenuto, che potrebbe diventare l’ennesimo salasso per i contribuenti italiani.

Addizionali Irpef, 7.5 miliardi in 10 anni

Secondo i dati raccolti da Confprofessioni, le addizionali avrebbero subito una crescita record di 7.5 miliardi in soli 10 anni. il periodo analizzato è quello compreso tra 2006 e 2016.

In un solo decennio si è passati da meno di 9,2 miliardi a quasi 16,7 miliardi. L’incremento esorbitante è sicuramente più evidente per le comunali, ma anche le regionali hanno un peso da non sottovalutare. In particolare, l’incremento registrato è dell’82,4%, alimentato da un’esplosione delle addizionali comunali (+181,9%), corroborata da una crescita molto rilevante anche di quelle regionali (+60%).

I tagli alle risorse locali negli anni si sono riversate sulle spalle dei cittadini. L’Irpef è invece cresciuta “solo” del 14,1 per cento.

Nel periodo 2016-2018 il blocco degli aumenti ha portato un minimo di ossigeno. Dal momento che suddetto blocco non è però stato confermato dalla nuova legge di bilancio, non è da escludere una nuova impensabile risalita.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRyanair, per San Valentino voucher da 25 euro
Articolo successivoItalo, nuove assunzioni entro il 2020
Classe 1987. Laureata in scienze biotecnologiche. Da sempre appassionata di letteratura, soprattutto gotica. Collaboro da molti anni con vari blog, dove mi occupo di cinema, tecnologia, spettacoli ed, ovviamente, economia. La mia passione per la scrittura mi ha portato, negli anni, a scrivere anche qualche romanzo e a partecipare ad alcuni concorsi letterari. Quando non scrivo mi occupo di formazione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO